react theater

 facebook icon    twitter icon  



officina teatrale
Giangurgolo capriolaro catanzese

Questa produzione è finalizzata alla riscoperta storica, filologica e critica della maschera CATANZARESE per eccellenza: il Giangurgolo. Nella tradizione storica della Commedia dell’arte.

La maschera nasce in una Calabria oppressa dalla dominazione spagnola.Un Capitano nelle apparenze, ma uno Zanni nell’animo, di qui il suo carattere ciarliero e burlesco, con una tendenza all’innamoramento, se interessato ancora meglio. La maschera potrebbe essere nata a Catanzaro, Giangùrgolo significherebbe “Gianni l'ingordo”, per la sua caratteristica distintiva: l’ingordigia. La sua storia inizia nel convento delle Suore di Santa Maria della Stella. La leggenda narra che nei boschi egli cerca di salvare uno spagnolo aggredito da briganti, che nonostante tutto muore. In segno di riconoscenza in punto di morte nomina Giovanni suo erede, consegnandogli, oltre alle sue ricchezze, una lettera che contiene il modo per salvare la città. Giovanni tramuta il suo nome in Alonso Pedro Juan Gurgolos, in onore dello spagnolo, ed inizia la sua personale lotta contro l'occupazione spagnola. Si organizza con un carrozzone da teatro col quale, insieme ad alcuni suoi amici, propone spettacoli satirici incitando il popolo alla rivolta. 

Regia Giovanni Carpanzano
Aiuto regia Emanuela Bianchi
Scenografia Michele Seminara
Tecnico Gennaro Amato