react theater

 facebook icon    twitter icon  

stagione 2014

 jazz_5.jpg

18 maggio 2014 ore 21:00  - Teatro Comunale di Soverato

scaramuzzino 6tet evolution

Pianoforte: Francesco Scaramuzzino
Sax contralto: Vito Procopio
Tromba: Luciano Cimino
Contrabasso: Filippo Scicchitano
Batteria: Domenico Pileggi
Vibrafono: Andrea Mellace


Francesco Scaramuzzino è diplomato in pianoforte, clavicembalo, jazz e ha conseguito la
Laurea in D.A.M.S.
Ha inciso nel 2007 e pubblicato un Cd “Poesie Di Carta” edito dalla Picanto Records, interamente
composto da proprie composizioni che ha riscosso un notevole successo di critica.
Nel 2010 la Picanto Records ha pubblicato due volumi di composizioni di Francesco Scaramuzzino
intitolati “Compositions I” e “Compositions II” due partiture che raccolgono il
lavoro compositivo dell’autore degli ultimi anni.
Ha suonato con i più importanti musicisti del panorama jazzistico italiano e internazionale,
tra gli altri: TinoTracanna, Marco Tamburini, Achille Succi, Pietro Condorelli, Max Ionata,
Mario Raja, Pietro Ciancaglini, in numerosi festival (tra gli altri Rumori Mediterranei, Palmi
jazz Festival) ed in tutti i jazz club più importanti.
All’inizio del 2011 è uscito il suo secondo CD a proprio nome, dal titolo “Changes of Directions”,
edito dalla Picanto Records e distribuito in tutta Europa dalla EGEA Distributions. A
quest’ultimo lavoro discografico hanno partecipato alcuni fra i più importanti musicisti del
panorama nazionale (alla batteria Massimo Manzi, al contrabbasso Pietro Ciancaglini, alla
chitarra Pietro Condorelli)
Nel dicembre 2012 il Cd è stato presentato durante la trasmissione di Radio Tre “ Battiti”
condotta da Pino Saulo.
Francesco Scaramuzzino continua con questo nuova formazione che è un vero e proprio
laboratorio di idee provenienti da tutto il suo mondo musicale (che parte dal jazz ma nel
quale confluisce la musica classica di Bach o la musica contemporanea di Ligeti sino ad arrivare
alle forme più semplici così importanti nel mondo afroamericano) a fare operazione
di ricerca nel solco della tradizione della musica colta e jazz. Il concerto quindi prevederà
nuove composizioni del pianista che andranno a costituire il programma del suo prossimo
cd e rielaborazioni di standard della tradizione jazz.